Courage – The Cowardly Dog di Dario Penta

INTRODUZIONE

 Ciao a tutti! Mi chiamo Dario Penta, in arte Zed, e sono un 3D Artist! Attualmente lavoro in un’azienda di Verona, mi occupo per lo più di modellazione e texturing di accessori/abiti di moda per brand di lusso e nel tempo libero cerco di lavorare a progetti personali (al momento sto lavorando ad un’animazione di uno shot di Frozen 2).

 Ho lavorato per qualche anno come grafico, ma sentivo che qualcosa non stava funzionando. Poi un giorno, quasi per caso, ho conosciuto una persona che mi ha fatto scoprire il mondo del 3D, le scuole in Italia dedicate a questa disciplina e ho deciso di iscrivermi al master in computer grafica di BigRock Institute of Magic Technologies. E dall’inizio del master ho capito che questa sarebbe stata la mia strada, finalmente avevo trovato qualcosa in cui mi sentivo bravo!

Sono passati due anni dal master e mi vedo continuamente crescere sotto ogni aspetto, e anche i miei obiettivi lavorativi piano piano stanno cambiando. Ora sono più cosciente di me stesso come 3D Artist e la volontà per il futuro è quella di lavorare per uno studio pubblicitario dove poter gestire i vari processi del lavoro, come un vero Generalist, o perchè no, in uno studio di Video Games!

COURAGE – THE COWARDLY DOG

 Per il progetto “Courage – The Cowardly Dog” in realtà inizialmente l’intento era quello di ricreare un altro personaggio, Giustino per l’appunto. Poi ho pensato che sarebbe stato più interessante in quel momento provare a cimentarmi nel Fur, di conseguenza Leone mi è sembrata la scelta più appropriata! Ammetto di non essere stato ispirato da nulla di sovrannaturale, banalmente la noia durante alcune ore di lavoro mi ha spinto a distrarmi un po’ con un progetto mio dove sperimentare altro (spero che il mio supervisore non legga mai questa cosa). Quindi ho messo da parte giacche, borse e scarpe, ho cercato rapidamente qualche reference e mi sono messo subito a lavoro!

DA UN IDEA AL 3D

Per onestà intellettuale devo fare una premessa: la scelta di Leone è stata fatta in quanto sapevo che non sarebbe stato, a livello di modellazione, un character troppo complesso da scolpire. Praticamente è un fagiolo con zampe e orecchie. Ho dunque preso in mano Zbrush e ho scolpito tutto il character per intero, per poi trasferirlo su Blender.

Per il texturing ho utilizzato Substance Painter per ricreare le macchie sul pelo di Leone , il colore di base dello stesso e il naso. Ho poi realizzato in Photoshop la texture degli occhi.

Per il Fur invece ho utilizzato Blender, molto comodo in quanto il pelo nasce sulla base della color assegnata alla mesh. Poi si inizia a settare qualche parametro per decidere tutte le caratteristiche che si vogliono dare al pelo prima di “pettinarlo”

 Ho realizzato un Lighting set-up è abbastanza semplice: 2 luci principali, una rim light per far risaltare qualche dettaglio rispetto allo sfondo e due point light per dare un pò di risalto agli occhi. Una volta renderizzato (sempre su Blender) sono passato in Photoshop per il compositing aggiungendo un pò di saturazione, un filtro nitidezza, un pò di contrasto a luci e ombre… Ed ecco “Leone_forse_def_wip_23”!

CONSIDERAZIONI FINALI

La parte più complessa è stata ovviamente il Fur in quanto non avevo mai testato questa possibilità. Ho seguito una serie di tutorial su Youtube per poi iniziare a sperimentare da solo, e dopo un po’ di fatica iniziale sono riuscito a prenderci la mano per poi arrivare al risultato che desideravo!

Tommaso 29/12/2022